Una riflessione sulla sperimentazione animale

Lucacicca ha scritto oggi questo post che mi sta facendo riflettere non poco, a riguardo della sperimentazione animale e delle associazioni animaliste. Consiglio a tutti di leggerlo.

Io la penso esattamente come lui. Una cosa è il rispetto dei diritti e una cosa è il fanatismo. Purtroppo, in certi casi, il fanatismo sfocia nella criminalità. E sarebbe da punire.

Annunci

6 comments

  1. dico la mia in breve:
    1. niente è bianco e/o nero. la sperimentazione non è sbagliata ne giusta a priori, occorre capire se e quando serve, se e quando è legittima, e ognuno avrà le sue opinioni in merito.
    2. il fanatismo è sbagliato a priori, occorre parlarne e parlare con un fanatico è tempo perso
    3. se poi dal fanatismo si sfocia nella criminalità, stiamo freschi. qualsiasi atto criminale va punito, anche se giusto. nel senso: mandela è stato 27 anni in galera. fare i rivoluzionari da salotto son buoni tutti.

  2. si, infatti, secondo me bisogna distinguere. è logico che torturare i cani, con sofferenze inutili, magari per testare i cosmetici è un discorso. utilizzare cavie da laboratorio per studiare le malattie neurologiche, cercando di infliggere le minori sofferenze possibili alle bestiole, è un altro.

    1. appunto. temo però che qualcuno potrebbe anche dire che la malattia neurologica fa parte della natura come il cane, e uccidere il cane significa imporre la volontà dell’uomo cattivo sull’animale buono ed innocente.
      che è una opinione se vogliamo ridicola ma legittima, e finchè uno la propugna organizzando manifestazioni, siamo nell’ambito della legittimità di parola, come diceva voltaire.
      è nel passaggio da opinione a fanatismo che scatta l’allarme.

  3. Il problema è che per queste persone ogni tipo di sperimentazione, fosse anche su ragni e cavallette, è sbagliata, inutile ed a priori legata ad interessi economici di case farmaceutiche.

    In Italia fare questa cosa è permesso, al momento. Quindi, come tutte le cose, se io vado contro una legge violando le restrizioni di un sito e prelevandone campioni, ne dovrei pagare le conseguenze, soprattutto in casi come questi.

    Sennò facciamo che va bene tutto, perché lo decido io e secondo me è bene. Così domattina giro in centro col pisello di fuori perché sono contro le mutande prodotte con cotone cinese, oppure accendo fuochi in piazza con le giacche rubate a dei ricchi per protestare contro il gas dei magnati russi e via dicendo…liberissimo di farlo, ma anche obbligatissimo a pagarne le conseguenze.

    1. >liberissimo di farlo, ma anche obbligatissimo a pagarne le conseguenze.
      e qui sta la chiave di tutto. se pensi che la tua idea sia valida, sei libero di portarlo avanti fino alle massime conseguenze, purchè riguardino tu e non altri (sennò sei un terrorista)

  4. Sull’azione degli attivisti in sé, io sono contrario a prescindere. Violazione di proprietà privata, danni a beni che non sono tuoi, ecc… Ma è gente che non ragiona, Sono dei grillini al cubo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...