Prima l’uomo, poi il giocatore

Cori dei tifosi del Milan? Succede sempre, l’importante è che siano più quelli che mi vogliono bene.

In una frase, alla quale molti avrebbero risposto in altra maniera, c’è tutto Javier Zanetti.

Descrivere il capitano dell’Inter per chi non lo conosce in realtà è molto semplice: Javier Zanetti è l’Inter. Gioca con i colori nerazzurri dal ’95, per quelli della mia generazione lui c’è sempre stato, ogni anno. Capitano, recordman di presenze, di stile, di solidità fisica, lucidità tattica, dedizione…è una statua vivente, impossibile da spiegare.

La rottura del tendine d’achille è il suo primo serio infortunio nell’arco di una carriera assurda, arrivata a quasi 20 anni di Inter e quasi 40 anni suonati. Ha detto che non si fermerà qui, e che ritornerà. C’è da credergli, non è mai stato un essere normale, lo dimostrerà ancora. Ti aspettiamo presto, Saverio.

P.s.: non essendo altrettanto sportivo quanto il Capitano, dedico questo video a quei quattro rincoglioniti che ieri hanno avuto il coraggio di sfotterlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...