La Sla prima e dopo Borgonovo

L’indomani della scomparsa di Stefano Borgonovo, provo a ricostruire mentalmente quanto abbia significato la sua testimonianza di vita in relazione alla lotta contro una malattia terribile come la Sla.

Ricordo che prima di Stefano avevo sentito parlare solo di  “Morbo di Lou Gerhig“, con l’importante caso di Gianluca Signorini. Da Borgonovo in poi la Sla divenne un problema da risolvere, non una scomoda malattia rara che capita a qualche ex giocatore (all’inizio la chiamavano anche la “malattia degli ex calciatori”, data la sua incidenza nel settore).

“Borgo” l’ha affrontata faccia a faccia, s’è fatto aiutare da amici famosi, le ha dato un nomignolo (La Stronza), ha partecipato ad eventi e creato discussioni. Non si è rinchiuso nella vergogna, ha portato la sua sofferenza in piazza perché fosse possibile comprendere che qualcosa bisogna provare a fare, anche quando sai di avere un destino già segnato.

La Sla continua a colpire, e lo fa anche nelle nostre piccole realtà, dove anche io personalmente ho avuto a che fare con 2 famiglie colpite da questa disgraziata patologia. Non possiamo fare tanto, ma  in questi casi anche fare poco, come parlarne e cercare di sostenere la ricerca, può portare qualcosa di buono. Ci sono passi avanti, se ce ne saranno altri in futuro (e ci saranno), dovremo anche ringraziare Stefano Borgonovo.

Foto: Roberto Baggio Sito Ufficiale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...