Motorola MotoG – Il mio punto di vista

Quanto può essere buono uno smartphone che costa 179 dollari?

Questa domanda, posta da TheVerge nella loro review, era quella che mi aveva affascinato di più nel valutare il mio nuovo telefono cellulare. A distanza di quasi un mese di utilizzo, credo sia ora di parlarvi del mio Motorola MotoG by Google.

Premessa fondamentale: il mio precedente telefono era un Blackberry Curve 9360. Niente touch, sistema operativo “datato”, poche “app” veramente funzionanti come dovrebbero, e diciamo pure un senso di distacco evidente con i nuovi smartphone che venivano gettati sul mercato a raffica.

Avevo escluso dalla scelta un iPhone, a priori. La volontà era di fare un Nexus, indeciso tra il 4 e il nuovissimo 5 uscito da pochi mesi anche in Italia. Così, nell’attesa di prendere l’offerta giusta sugli Stockisti, un amico mi consiglia di dare un’occhiata al nuovo MotoG. Grosse perplessità iniziali, ma poi la frase decisiva “guarda, c’è dietro Google…sembra davvero un buon prodotto”.

E così mi guardo recensioni, unboxing varie su Youtube e con un colpo a sopresa, anche sfinito dall’attesa di “prendere l’onda giusta” con il Nexus, vado su Amazon e decido per il MotoG da 16g che in 3 giorni mi arriva dalla Germania.

Per le caratteristiche e le prestazioni in termini di numeri, andate a leggervi gli articoli, perché non sono il mio forte. Sicuramente, si percepisce, e forte, la mano di Google. Non appena acceso e collegato al wi-fi mi ha proposto l’aggiornamento alla versione kitkat 4.4 di Android. Significa che dopo i Nexus è stato reso immediatamente disponibile per Motorola.

Le impressioni al tatto sono ottime, ha un certo peso, impugnatura ottima con una mano sola e cover gradevole. Il MotoG ha un 1 gb di ram, non tantissimo, ma più che sufficiente per il mio utilizzo. La mia versione ha una memoria da 16gb non espandibile, io ad esempio non ci scarico musica, e credo che una buona parte  ne rimarrà inutilizzata. Scorrevole, veloce, nessuna pecca  grave per quanto riguarda l’uso del software. I difetti principali a mio avviso sono la fotocamera (praticamente uguale al mio vecchio BB) e, con mia sorpresa, la ricezione del segnale, da sempre un punto forte della tradizione Motorola. In aggiunta, pure l’altoparlante non è il massimo della qualità, gracchia con facilità passando da un volume medio-basso ad uno leggermente più alto.

Insomma, arriviamo alle conclusioni. Il MotoG da 16g viene venduto a 208 euro, al momento, su Amazon. Nella confezione vi trovate anche il cavo dati ed in aggiunta, se spedito da Amazon, anche l’alimentatore. E’ uno smartphone di ottima fattura targato Google e che contiene tutte le funzioni di base di cui avete bisogno per un normale utilizzo. Se pretendete di più,  chiaro che dovete dirigervi su altri prodotti. Di sicuro, per questo prezzo, non credo esista qualcosa con un pacchetto migliore.

*Update: non ho menzionato la batteria, che è sicuramente uno dei punti forti del telefono. La durata media, al momento, è di una ricarica quasi ogni 2 giorni di utilizzo, tenendo Gps e Wi-fi staccati, mentre dati e bluetooth sono sempre attivi. Orario di accensione ore 7:30 fino a mezzanotte circa. Direi sicuramente sopra la media per il segmento di cui fa parte.

Foto | The Verge

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...