Il tiro al Montezemolo

 

Sulla brutta, anzi bruttissima, questione Marchionne-Montezemolo-Ferrari sento di affidarmi completamente alle parole di un “insider” d’eccezione come Leo Turrini dalle colonne del suo blog:

…Quanto è successo, mediaticamente e ovviamente anche in pista, nel week end di Monza non è stato triste. E’ stato penoso. E voglio essere onesto fino in fondo.
Di Marchionne condivido una cosa: quando dice che due (due, accidenti, ha detto due!!!) campioni come Alonso e Raikkonen non possono essere mandati a gareggiare con una Rossa tanto scadente.
Però, la ricetta non è tagliare un’altra testa, stavolta la più illustre.
Così come non abbiamo risolto nada liquidando Baldisserri-Dyer-Mazzola-Costa-Domenicali-Marmorini, prossimamente non risolveremo nada mandando in pensione LCDM…

Marchionne pensa che tutto si possa gestire come un’azienda qualsiasi, ma forse mai come nel caso della Ferrari si dovrebbe tener conto della variabile più importante: la passione.

Alla Ferrari, come alla Juve, vincere è l’unica cosa che conta. Luca di Montezemolo lo sa bene, e non credo abbia problemi a mettersi in discussione in quanto a risultati SPORTIVI, anche perché ci si potrebbe attaccare solo a quelli, visti gli eccellenti andamenti economici dell’azienda.

Quello che Marchionne sta facendo non è altro che buttarlo dalla finestra come un sotto-manager qualsiasi, facendolo passare per uno sprovveduto che vive di rendita essendo da sempre in orbita Maranello, senza tener minimamente conto di quello che è riuscito a portare in casa Fiat quando pioveva solo merda da qualsiasi settore produttivo della grande famiglia.

E’ stata una tipica uscita in “stile-Agnelli” (ricordate l’annuncio del fine rapporto tra Del Piero e la Juve?) di cui avremmo volentieri fatto a meno, ma che segue un percorso in cui il manager col golfino è stato spesso protagonista.

Ricordate a Sergio Marchionne, piuttosto, che c’è solo una macchina, anche oggi, che qualsiasi pilota di F1 desidererebbe guidare un giorno, e si tratta della Ferrari. E’ così da sempre, grazie anche a gente come Montezemolo. Faccia il suo lavoro, ma faccia anche in modo che questo pensiero non muti nel tempo.

Foto: Ansa.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...