Why not Umbria?

Sono marchigiano, tra l’altro fanese, quindi ho sempre avuto una visione particolare degli umbri, nostri “vicini di casa” (per noi son tutti “Perugini”, senza distinzione) che da tanti anni invadono le coste adriatiche soprattutto nei fine settimana.

Dopo questa estate, sento di dover fare delle dovute riflessioni sul prenderli in giro, perché la rivelazione dell’estate, per il sottoscritto, è stata una regione: l’Umbria.

Ho fatto ben 4 uscite in Umbria solamente questa estate, tutte in moto dato che in qualche modo sta spesa la devo ammortizzare (12000 km in 2 estati…direi non male). Il 2013 era stato l’anno della Toscana, quest’anno abbiamo deciso di approfondire la “terra di mezzo”, trovando tantissime sorprese positive. La prima uscita è stata in maggio, poi una a fine giugno, una breve gita il giorno di ferragosto ed infine l’ultima domenica scorsa.

Abbiamo girato tanti punti-chiave della regione. alcuni posti in cui sono stato, giusto per darvi dei nomi: Assisi, Spello, Foligno, Bevagna, Cascia, Norcia, Spoleto, Sigillo, Gualdo, Bastia Umbra, Gubbio, Roccaporena.

Alcuni luoghi ci hanno lasciato senza parole, sotto parecchi punti di vista: storico, culturale, enogastronico ma soprattutto in quanto ad idee e proposte. A me son sembrati tutti molto più attivi, sicuramente più consapevoli di quali siano le poche potenzialità da sfruttare, con punte di qualità eccellenti come il “Festival dei 2 mondi” di Spoleto oppure il festival “Umbria Jazz”.

Essendo uno a cui piace mangiar bene, dallo scorso anno ho preso l’abitudine di scrivere in un taccuino tutto quello che mangio e bevo durante i miei viaggi, e sono già a buon punto. Ne sta venendo fuori una miniguida personale, sempre utile in caso qualcuno mi chieda consigli su posti che ho già frequentato.

Vi scrivo di seguito i top 3 che ho visitato in Umbria e relativi consigli.

Spoleto: “Osteria dal Matto” in centro, in una parte alta della città. Sarebbe da andarci solamente per fare due parole con il titolare, davvero un personaggio. Il bello è che pure la cucina è ottima. Noi siamo andati a pranzo, il menù era fisso per tutti ma non è avanzato nulla di tutto quello proposto.

Bevagna: “La bottega di Assù”. Localino per aperitivi, vicino alla piazzetta se non ricordo male. L’interno è arredato in maniera divina, con libri, fotografie e storie appesi un po’ ovunque. La titolare è molto cordiale, il paese è stupendo e pure i vini proposti erano di tutto rispetto.

Assisi: “Le Mandrie di San Paolo”. Agriturismo che si arrampica sul monte Subasio, molto vicino ad Assisi città, ci si arriva uscendo ad “Assisi Viole-Rivotorto” dalla superstrada e seguendo le indicazioni in un sentiero stretto e ripido. E’ un posto adatto praticamente a tutto, che sia pranzo, cena, relax, dormire, fare un bagno in piscina…e cosa non da meno offre una vista favolosa su tutta la vallata davanti, da dove è possibile vedere scorci anche molto lontani. Bisogna andarci, anche solo per conoscere Alessandro, il gestore. Consigliatissimo.

Io qualche dritta ve l’ho data, se volete provare a smentirmi vi invito a fare un giretto in questi posti.

10369173_10202483839071975_1792444594631378814_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...