Invernalissima

Domenica intensa, quella appena trascorsa. Sono stato in provincia di Perugia, per l’Invernalissima 2014.

Sveglia h 5:15, ritrovo h 6:00 a Calcinelli, colazione con gli altri 6 del gruppo che componeva la spedizione podistica in Umbria. Partenza per Bastia Umbra alle 6:15, arrivo, sistemazione, riscaldamento e tutti pronti per la partenza alle 9:30 sotto un cielo parzialmente coperto ed un clima strano che rendeva difficile la scelta dell’abbigliamento.

Veniamo alla gara, molto bella e ben organizzata. Fa piacere partecipare a corse che funzionano, con ristori ben forniti, diversi punti musica, chilometraggio costantemente segnalato e traffico bloccato su tutto il percorso. Il percorso è suggestivo, mezza maratona di 21 km con partenza dalla zona Fiera di Bastia, passaggio nel piccolo centro cittadino, la Basilica di Santa Maria degli Angeli, San Damiano, un lungo tratto proprio sotto la città di San Francesco ed infine ritorno da dove eravamo partiti.

Personalmente,  mi sento di aver corso una delle più belle gare della mia inesistente carriera. Non ero allenatissimo, ma sapevo che potevo finirla, in qualche modo. Ho corso a ritmo più o meno costante, ho saputo gestirmi all’inizio senza seguire ritmi che mi avrebbero bruciato, e soprattutto ho tenuto con la testa nei 4 chilometri finali in cui le gambe mi avevano quasi totalmente abbandonato.

Son stato sempre in gara da solo, non conoscevo nessuno di quelli che andavano al mio ritmo e pochi di quelli attorno avevano voglia di parlare. Due ore di solitudine a parlare con me stesso, con il mio corpo, pensando alla respirazione, ai movimenti, calcolando i tempi medi e i potenziali tempi di arrivo. La sintesi della corsa, il dialogo con il proprio corpo.

Il tempo finale mi ha premiato. Volevo migliorarmi e potenzialmente stare sotto le 2 ore. Il mio unico precedente sulla mezza maratona era di 2h03m alla mezza di San Benedetto, disputata ad Aprile. Ieri ho chiuso in 1h56m di real time. Insomma, mi ritengo soddisfatto per aver centrato entrambi gli obiettivi.

Naturalmente, la corsa faceva da scusa per potermi sparare un bel pranzo dai nostri amici di Assisi che gestiscono l’Agriturismo “Le Mandrie di San Paolo”, dove io e Chiara ci siamo fermati per un ristoro.

Credo pure che la faccenda meriti qualche dedica, sparsa quà e là. Un grazie va a chi si è allenato con me diverse volte alle 8 di domenica mattina, chi guidava il gruppo e mi ha dato consigli all’interno della squadra del Calcinelli Run, al bel rapporto che si è formato e che continua a crescere tra noi “atleti”. Grazie alle mie gambe, che seppure ai loro ritmi, mi portano dappertutto…e non è poco. Grazie soprattutto a chi non mi ha ancora chiesto di scegliere tra lei e questa mia passione, pur sapendo che tutto potrebbe peggiorare in vista di un obiettivo ancora più grande, che è quello della prima maratona nel 2015.

IMG-20141215-WA0000

IMG-20141214-WA0023

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...