lavori

Primavera 2015

Oggi entriamo ufficialmente nella primavera. Non vedo l’ora che sia estate, dentro mi sento un po’ autunno.

Magari un giorno scriverò un libro di memorie su questo periodo che sto vivendo, forse lo spunto me lo darà proprio questo blog, che è solo una parte infinitesimale di scarico riguardante la quotidianeità.

Estate potrebbe (e dovrebbe) voler dire principalmente una cosa: fine dei lavori in casa.

Un anno fa esatto io e la mia ragazza abbiamo comprato un appartamento da ristrutturare. Un anno dopo ci troviamo ancora alle prese con la sequela di lavori interni, progetti, pagamenti, gioie e dolori quotidiani che solo una ristrutturazione può darti, e che solo chi c’è passato può comprendere fino in fondo.

Lavori in casa, periodo pre-dichiarazioni in ufficio e preparazione alla maratona tutto insieme. Oltre a questi, altri impegni quotidiani che si prova ad incastrare ma che non sempre si riesce a fare nel modo giusto.

Ci si alza tranquilli e si finisce sclerando. Ci si alza sclerando e si finisce tranquilli. Non esistono giorni “normali”, i dialoghi con chiunque frequenta il tuo mondo ruotano solamente attorno alle solite questioni e sinceramente dopo la domanda “come va?” fai fatica a non rispondere “così così, sto ristrutturando…”, ti viene automatico, è un pensiero fisso.

Per restare in tema, mi eclisserei per un paio di mesi.

Foto: Nicolò Canestrari

Strisce chimiche

Il mio assessore comunale preferito ha annunciato in pompa magna la novità del momento sulle strade fanesi: le super strisce pedonali.

Tengo tutto a mente, ne riparliamo fra 3/5 anni.

Questo materiale rappresenta un’importante novità di utilizzo, favorisce il deflusso delle acque garantendo il drenaggio di qualunque superficie e pure in caso di pioggia permette la massima rifrangenza. Inoltre tale tipo di applicazione ha una durata media che va dai tre ai cinque anni; questo consentirà da una parte di evitare la continua manutenzione di tali attraversamenti che tra l’altro, in queste strade a forte densità di traffico, è soggetto a maggiore deterioramento e dall’altra risparmio di risorse normalmente destinate alla manutenzione ordinaria per questi tipi di interventi.

Fonte | OcchioAllaNotizia