pdl

Cosa vi aspettate?

La recente (e anche non recente) storia politica italiana ci insegna che una supposizione sfavorevole del giorno prima, specialmente se riguardante Berlusconi e il Pdl, venga puntualmente e clamorosamente smentita il giorno dopo.

Nel contesto odierno, non vi aspettate un voto di fiducia al Senato, perché secondo me e secondo quelli che sono i “rumors” mattutini sembra che non ci sia. E non mi sorprende affatto, perché è stolto pensare ad un tradimento collettivo da parte di persone prive di coraggio, e che non credo riescano a tirarlo fuori in un momento tanto delicato. Ricordate la vicenda di Alfano premier e delle primarie per il candidato Pdl? Pensate che abbiano il fegato per tradirlo? Dai, su. Ci sarà stato l’ennesimo tentativo di convincimento andato a buon fine in cambio di chissà quali contropartite. Lo stesso metodo che da anni tiene sotto scacco tutto il nostro paese, ammaliato da promesse e da accordi che puntualmente non vengono rispettati, ma che non possiamo rifiutare nel momento in cui vengono proposti.

Quindi, vedremo che ne sarà di questo governo, ma temo che oggi si viva una giornata molto simile a quella andata in scena per il tentativo di Prodi al Quirinale. Partenza fiduciosa del PD, speranze che si dissolvono, delusione inconcepibile, ennesima sconfitta.  Vedremo.

+++Update delle 14:54 del 02/10+++

Alla fine, tra pianti e scene da libro cuore, Berlusconi ha deciso di votare la fiducia. La cronaca, qui. Il tweet del giorno, scritto da un giornalista del WSJ, è questo (ovvero, come ci vedono da fuori):

Annunci

Una poltrona per Franco

“Ma la vera novità rispetto ai giorni scorsi per le liste berlusconiane in Emilia è quella di Franco Carraro, il «poltronissimo», 73 anni, socialista nella prima Repubblica, tre volte ministro, sindaco di Roma e soprattutto ras dello sport italiano da presidente della Federazione gioco calcio e del Coni.”

Il potronissimo continua ad alimentare la sua leggenda. C’è sempre posto per un Franco Carraro in questo belpaese. Forze fresche per il Pdl che verrà.